You are currently viewing Le novità del Decreto ecobonus ed “Energia quasi zero”

Le novità del Decreto ecobonus ed “Energia quasi zero”

La Camera ha recentemente approvato la legge di conversione del DL 63/2013 al fine di prorogare le detrazioni per la riqualificazione energetica e la ristrutturazione degli edifici, introducendo il bonus mobili ed elettrodomestici e recependo al tempo stesso la Direttiva ‘Edifici a energia quasi zero’.

Dal 2014, quindi, è altamente probabile una stabilizzazione delle agevolazioni fiscali per la casa.
Un emendamento a firma Stefano Allasia (Lega) ed Ermete Realacci (PD) prevede che entro il 2013 saranno definite misure e “
Gli incentivi saranno finalizzati a favorire la realizzazione di interventi per il miglioramento, l’adeguamento antisismico e la messa in sicurezza degli edifici esistenti, ma non solo:

Una particolare attenzione viene dedicata all’efficienza idrica e al rendimento energetico. Le nuove regole e le nuove aliquote saranno definite tra qualche mese, probabilmente con la Legge di Stabilità 2014.

La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici, salita dal 55% al 65%, è fruibile dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del DL 63/2013) fino al 31 dicembre 2013 per i privati. I condomìni avranno invece tempo fino al 30 giugno 2014.
Le tipologie di intervento soggette alla detrazione sono le stesse che già beneficiavano del precedente limite al 55%: impianti di riscaldamento, a pompa di calore e geotermici,

A questi si aggiungono i lavori preventivi, con aliquota del 65% e fino ad un massimo di spesa di 96.000 euro, per l’adeguamento antisismico degli edifici adibiti a prima casa ed anche per le attività produttive che si trovano nelle zone sismiche ad alta pericolosità, ad oggi il 38% del territorio italiano.

Per le altre tipologie di immobili inclusi, rimane invece valida la detrazione del 50%.
Dal 2014 saranno detraibili, inoltre, le spese per schermature solari, micro-cogenerazione e micro-trigenerazione e gli interventi di efficientamento idrico e per la sostituzione delle coperture di amianto negli edifici, nonchè quelle per l’installazione di impianti di depurazione delle acque da contaminazione, nei comuni dove è stato rilevato il superamento del limite massimo di tolleranza stabilito.